Italia, ma che Bel Paese!

L’Italia è uno degli stati più completi dal punto di vista turistico, essa racchiude all’interno dei suoi confini: mari, monti, fiumi, laghi, colli, pianure, città d’arte e anche i segreti della buona tavola. A partire dalle coste, il Bel Paese può vantare più di 7400 km di coste, le quali variano di conformazione geografica a seconda del luogo in cui si trova. Sono, infatti, presenti litorali ampi e con sabbia dorata, litorali con sabbia bianca finissima alla stregua di quella caribica, litorali composti di ciottoli e litorali scogliosi e frastagliati. Chi ama la montagna può godere di una varietà di monti simile a quella possibile per le spiagge. Le due più grandi catene montuose sono le Alpi, che si trovano a nord e segnano il confine naturale con l’Europa, e gli Appennini che fungono da spina dorsale attraversando tutto il corpo dell’Italia. Le Alpi si caratterizzano per avere alcune delle cime più alte d’Europa (es. il Monte Bianco), la conformazione di queste cime varia a seconda della zona in cui ci si trova. Sono la patria degli scalatori e degli sciatori, molteplici sono le gare di sci e di altri sport invernali che vengono ospitate in questi territori, una su tutte: le Olimpiadi invernali del 2006.

Gli Appennini hanno una conformazione diversa, sono più antichi delle Alpi e per questo i monti che vi si trovano non sono molto alti ma sono molto ricchi in vegetazione e parchi naturali, ricordiamo il Parco Nazionale d’Abruzzo che ospita alcune tra le specie di animali più rari al mondo e in via di estinzione.

Quando si parla di Italia non si può non citare il turismo culturale: città come Roma, Firenze, Venezia, Torino, Napoli e Palermo, per citarne solo alcune,  hanno scritto la storia di questo Paese, tanto che è soprannominato museo a cielo aperto. Percorrere le vie costellate di monumenti e musei è come fare un viaggio nel tempo e scoprire le bellezze classiche, romane, medievali, rinascimentali e barocche. Ogni periodo storico è rappresentato da qualche statua o edificio architettonico.

Per chiudere questa breve lista non si può non citare il turismo culinario, ogni regione ha le sue specialità, basta spostarsi anche solo di pochi chilometri che si scoprono nuovi sapori e nuovi colori, difatti l’Italia è uno degli stati più eterogenei al mondo per quanto riguarda la cultura regionale. Si parte con lo speck del Sud Tirolo e si arriva al peperoncino di Soverata in Calabria, passando per la “cassoeula” lombarda, la farinata toscana, i saltimbocca alla romana, l’amatriciana, la parmigiana, il pecorino, gli arancini, il pane carasau, il Prosecco, il Chianti, il Mirto e chi più ne ha, più ne metta.

L’Italia è un paese non catalogabile dal punto di vista turistico, perché racchiude in sé ogni tipo di turismo, l’unica cosa da fare è partire alla scoperta delle tante meraviglie che questa terra tra tradizione e cultura ha da offrire.

Lascia un commento