Dopo aver dato uno sguardo alle meraviglie dell’UNESCO del Piemonte nell’articolo precedente, passiamo ora alla Lombardia, regione abbastanza variegata per quanto riguarda conformità del territorio (pianura, collina e montagne).

Tra i tesori lombardi da salvaguardare ricordiamo:

  • I Sacri Monti in comune con la regione Piemonte;
  • L’insediamento industriale a Crespi d’Adda nel comune di Capriate San Gervasio in provincia di Bergamo. Si tratta di un insediamento costruito verso la fine del XIX secolo per volere di un imprenditore. Qui risiedevano i dipendenti operai di una medesima azienda dotati per l’epoca di servizi all’avanguardia, come per esempio l’ospedale, un teatro, ecc;
  • Mantova e Sabbioneta, città simbolo del Rinascimento italiano;
  • La Chiesa di Santa Maria delle Grazie e il Cenacolo dipinto da Leonardo Da Vinci a Milano;
  • La Ferrovia Retica nei paesaggi di Albula e Bernina, in provincia di Sondrio. Il famoso Trenino Rosso del Bernina percorre la tratta alpina più alta d’Europa e si snoda sulla pendenza naturale più ripida al mondo;
  • La Val Camonica e le incisioni rupestri risalenti al periodo preistorico. Questa caratteristica valle della provincia di Brescia si trova a nord rispetto al Lago d’Iseo e ospita testimonianze antichissime circa la vita della popolazione camuna in queste zone. Queste incisioni su roccia sono da considerarsi le piùimportanti d’Europa.

1 Comment

francescarita · Marzo 23, 2010 at 5:51 pm

Anche in Lombardia c’è molto da vedere ed ammirare! Una Regione ricca di attrazioni e monumenti notevoli!

Lascia un commento