La festa di Ognissanti, conosciuta anche come festa di Tutti i Santi, è una ricorrenza che viene celebrata il 1 novembre di ogni anno, seguita dalla festa della Commemorazione dei Defunti detta anche giorno dei morti che viene celebrato il 2 novembre.

Oggigiorno questa festa è un mix di sacro e profano in quanto a tutti i significati religiosi ad essa legati si uniti a motivi di festa, vacanza e allegria paesana con una moltitudine di feste pensate per l’occasione e viste come ottima fonte di guadagno. Quest’anno poi cadendo di giovedì offre l’occasione per una vacanza o un week end lungo per staccare la spina e concedersi un meritato riposo.

La festa di Tutti i Santi, in ambito religioso, celebra in un unico giorno la gloria e l’onore di tutti i Santi, anche quelli non canonizzati e poco noti. Questa festa ha origini antiche e le sue prime celebrazioni in Europa si ebbero tra VII e il VIII secolo.

Inizialmente la festa si celebrava la domenica dopo pentecoste ma poi venne sposta il 1° novembre per farla coincidere con la festa del Samhain, antica festa dei monaci irlandesi e in questa data il papa Gregorio III scelse di consacrare una cappella a San Pietro in onore delle reliquie degli apostoli e di tutti i santi e martiri di tutti il mondo. Anche se, ancora oggi, la chiesa Ortodossa d’Oriente la celebra la domenica dopo pentecoste in chiusura del ciclo pasquale.

Negli ultimi anni la festa di Ognissanti sta sempre più assumendo un carattere profano con il classico ponti dei morti che porta molte persone a trascorre una mini vacanza fuori casa con amici e parenti. Infatti questo ponte parte il 31 ottobre con la festa solo profana di Halloween per poi continuare nei 2 giorni successivi con varie feste di carattere sia religioso sia profano.

Ormai molte località italiane per questo ponte organizzano feste paesane che unisco la celebrazione della festa di Tutti i Santi con poi banchetti imbanditi dei vari prodotti locali per fare festa all’interno dei vari paesi e unire giovani ed anziani.

Queste feste stanno diventando delle vere e proprie tradizioni per sviluppare il turismo eno-gastronomico un po’ in tutta Italia per far conoscere i propri sapori tipici e costumi delle varie zone.


1 Comment

marco · Novembre 26, 2012 at 10:06 pm

qualcuno è stato a passo mendola hotel roen?

Lascia un commento