Un vecchio proverbio recita “marzo pazzerello guarda il sole e prendi l’ombrello”, ebbene sì, marzo è un mese di transizione per quanto riguarda il meteo e le stagioni. Lasciamo nell’armadio guanti e sciarpa, iniziamo a portare gli occhiali da sole, le giornate si allungano, il sole è tiepido e senza accorgercene arriva la primavera. Ma, cosa fare aspettando la primavera? Perchè non intraprendere un corso di storia e cultura italiane? Non seduti sui banchi di scuola o davanti a un computer, ma ideando un itinerario turistico, camminando dove questa storia e questa cultura sono state fatte. Tre parole: Venezia, Firenze, Roma.

Tre città, tre punte di diamante del Bel Paese. Tutte loro hanno una cosa in comune: l’essere città d’arte. Venezia, famosa in tutto il mondo come la “città che affonda” attira milioni di turisti affascinati dalla storia e dalla sua inusuale struttura architettonica. Essa nasce dal collegamento di piccole isole, i ponti (più di 400 in tutta la città) la fanno da padroni e i canali sono popolati da decine e decine di gondole e gondolieri pronti a traghettare chiunque ne abbia bisogno da un punto all’altro della città. I musei, le mostre e i monumenti da visitare sono innumerevoli, uno su tutti è Palazzo Ducale, situato nella meravigliosa Piazza San Marco. Quando si arriva a Venezia è come entrare in un mondo parallelo, dimentichiamo le città per come le conosciamo e prepariamoci a perderci tra le calli e i canali, immersi in una surreale atmosfera, quasi come se Casanova fosse nostro compagno di viaggio. Firenze, città madre della lingua italiana, ha visto camminare per le sue vie Dante e i più famosi poeti italiani. È stata la culla del Rinascimento italiano ed è considerata una delle più belle città del mondo grazie ai suoi monumenti e ai suoi musei, dal Duomo a Palazzo Pitti, da Santa Croce agli Uffizi si ha solo l’imbarazzo della scelta e quando si è stanchi ci si può comondamente sedere in uno dei ristorantini che costeggiano l’Arno e gustare una buona fiorentina. Roma, non servono presentazioni per la capitale. Passeggiare per la città è un viaggio nel tempo che parte dalle vicende dell’antico impero romano e arriva al secondo dopoguerra. Ogni monumento è una sorta di macchina del tempo che conduce chi lo osserva in diversi momenti del passato. Se mangi pane e cultura un tour per queste tre città è un must per te e non c’è miglior stagione di questa per caricare la fotocamera e mettersi in viaggio.


Lascia un commento